Skip to content
You are here:Home arrow Artículos arrow Books/Magazines arrow I soldatini in edicola: Wargames, Soldiers & Strategy n.33


I soldatini in edicola: Wargames, Soldiers & Strategy n.33
(0 voti)
Escrito por - Webmaster   
Anche se con notevole ritardo, conviene analizzare il numero 33 di WSS pubblicato a Maggio in quanto comprende articoli di grande interesse.
Dopo le news troviamo le due pagine dedicate alle novità del mercato dedicate principalmente a figurini in metallo in 28mm ed a modellini di carri in scala 1/56.
Il primo –coloratissimo- articolo è dedicato alla battaglia di Rorke’s Drift (1879) in cui 150 valorosi soldati britannici tennero testa a non meno di 3000 guerrieri Zulu. L’episodio, immortalato nel famoso film “Zulu” sicuramente noto ai più, segna un punto di svolta nella “Zulu War” che viene concisamente descritta nell’articolo. Vengono inoltre fornite indicazioni per rigiocare la battaglia ed una discreta bibliografia.
 

 

Il Dossier di questo numero è dedicato alla Battaglia dei Eylau del 1807: vengono accuratamente descritte le forze francesi, prussiane e russe in campo ed i dettagli dello scontro; la parte storica è seguita dalla descrizione di alcuni possibili scenari e da una dettagliata bibliografia basata in buona parte sui testi della Osprey.

 

Alcuni dei volumi citati nell'articolo possono essere acquistati direttamente su Amazon.com!

 

Con un salto indietro di oltre due secoli, l’articolo successivo del mitico Stuart Asquith (noto ai “vecchi” lettori di Military Modelling) tratta della Battaglia di Northleach (1643) durante la Guerra Civile Inglese: come sempre descrizione storica, informazioni per il wargame e bibliografia, accompagnate da bellissime immagini, faranno la gioia degli appassionati del periodo.

Ben 4 pagine centrali sono dedicate alle miniature dipinte da Sasha Herm: un vero maestro del 28mm!

 
 

 

A seguire, un lungo articolo dedicato alla Battaglia di Almanza, durante la Guerra di Successione Spagnola (1701-1714). Gli schieramenti sono molto ben descritti e l’articolo è corredato da army list minuziose che consentiranno una ricostruzione fedele della battaglia con svariati regolamenti.

Mancano in questo numero gli articoli finali dedicati abitualmente alle tecniche modellistiche, ai boardgames ed ai wargames, ma la qualità e varietà dei contenuti è tale da non far rimpiangere queste rubriche, che ritorneranno comunque nel prossimo numero. Buona lettura!