Skip to content
You are here:Accueil arrow Articles arrow Techniques arrow Conversione: fanteria francese della rivoluzione (1789 - 1798)


Conversione: fanteria francese della rivoluzione (1789 - 1798)
(0 voti)
Écrit par Alessandro Gentilini   

 

Negli ultimi anni sono state distribuite numerose scatole scala 1/72 dedicate alla fanteria francese, sia leggera che di linea.
Solo una, della Hat, però rappresenta "les blues" col caratteristico bicorno, ritraendo l'uniforme del periodo di Austerlitz (1805).
Inoltre , a mio parere, i soldatini della Hat, nonostante una eccezionale accuratezza storica delle uniformi, sono troppo sproporzionati anatomicamente.
Mi hanno interessato di più, da questo punto di vista, i francesi della Guerra d'Indipendenza Americana Italeri, che hanno inoltre il vantaggio di avere una uniforme compatibile con quella del periodo rivoluzionario.


Per la conversione è sufficiente sostituire il tricorno (tra l'altro troppo piccolo) con un bicorno.



La prima idea è stata quella di applicare un copricapo della Hat, ma le proporzioni tra i diversi figurini non sono del tutto compatibili e il bicorno risulta un pò troppo grande.
Quindi ho provato ad applicare il bicorno della fanteria leggera prussiana della ESCI, che però mi è sembrato appena troppo piccolo.

Ho provato perciò ad autocostruire i bicorni con il milliput più la plastilina, più malleabile, per i ritocchi più piccoli.



Per mia abitudine ho sempre utilizzato un primer prima di colorare i figurini che, in questo caso, ha anche la funzione di "stabilizzare" la plastilina rendendola più consistente, con minor rischio di rovinare il lavoro durante la colorazione.



La rifinitura con la pittura in nero del bicorno completa l'operazione.



Con questo procedimento si ottengono chiaramente dei bicorno diversi l'uno dall'altro, ma ciò può non essere per forza un difetto. Infatti nella realtà storica le differenze tra le uniformi dello stesso esercito erano frequenti e tanto più nel periodo rivoluzionario, vista la scarsità di risorse.
Il risultato finale mi sembra abbastanza buono.
Naturalmente questo sistema richiede tempo e pazienza, ma altrimenti che modellisti saremmo!