Skip to content
You are here:Home arrow Articles arrow Techniques arrow Scratchbuilding walls and houses - Tutorial II


Scratchbuilding walls and houses - Tutorial II
(9 voti)
Written by Leonardo Torricini   

In this article we will use some of the tecniques described in the first part to build walls and a whole house.
----------------------------------------------------------

THE WALLS



From the block, shaped for the wall, I cut off the surplus to create the step of the balconies and the battlement.



Then as for the wall I cut and engrave the gaps between the stones and the pavement of the balcony. Furthermore I pressed the corners of each stone with a broad knife and round off the top corners, to decrease the squared and flat look increasing a bit the roughness.



Here's the painted wall, this time over the usual black undercover I gave a quick layer of grey and a white drybrush, finally a black wash.

----------------------------------------------------------

ROUGH STONE WALLS

If we need a rough stone wall is necessary to work a bit differently, and bit of extra detailing work.



After have shaped the wall a couple of millimetres thicker than it should finally become, I make the incisions a bit deeper and wider than usual, working free hand without meter, to get an irregular look.



Then I scrap off the surface of the stones, trying to go deeper along the edges and corners.



Some incisions will disappear flattened by the scraping, so I re-engrave them and make the gaps wider with a broad knife.



Now the wall is ready for the paint.



And this is how it looks after the usual black undercover, white drybrush and final black wash.
With a bit of extra work, making a variation of colours and shades in the final wash on some stones is possible to simulate a wall of mixed materials and different kinds of stones

------------------------------------------------------

THE HOUSE



With the same techniques, gluing together some walls, I made this small house, with door, windows and an entrance stair. But the houses have a roof, and for this there's another cheap method, is not new, I learned it from friends, integrated with the tips of the tutorials and some little improvised tricks, you can find it in many books too, more or less simplified, surely is possible to improve this tricks and discover many other ones.

----------------------------------------------

THE ROOFS



First I cut a squared piece of corrugated cardboard, with the right dimentions for my little house.



Then I make the parallel lines of the roof tiles cutting lightly (carefully to avoid to cut the lower cardboard layer too).



After marked the profile of the missing parts (corresponding to the fallen walls of the model) I cut off these parts making squared cuts following the profile of the roof tiles.



Around the missing parts I made cuts between the roof tiles, for one or two tiles length, just in direction of the top of the roof for the missing parts in the sides, and all around for the hole in the middle.



Then I bended down the cut tiles to make some depressions around the missing parts of the roof.



To give more resistance to this structure I glued a wooden frame on it, I add also some thin crossed sticks, in a position that they can be seen through the holes of the missing parts.



With a corrugated cardboard strip cut in the same way of the rest of the roof I made the top line of roof tiles. With similar strips, without incisions and of the right colour, is possible to make the funnels at the side of the roofs, and with toothpicks the pipes.

--------------------------------------------------------



Here's the house ready for extra detailing and painting. For both the same black undercover with white drybrush, and a final wash of different thickness and colours for each part.




To simulate the rubbles I used various materials: wooden bits and sticks, broken and cut squared as mini bricks, small pebbles and sand coloured in the same colours of the model, strips of painted corrugated cardboard cut in short squares for the fallen roof tiles.



After the normal acrylic painting, I add the rubbles gluing them to the house and roof with vinylic glue, once dried I gave to all a black wash, to merge more the house details and to make dark all the gaps between the rubbles.
The model could be already good, but with this detail level the lack of door and windows is inappropriate, so let's add them.

---------------------------------------------------

DOORS AND WINDOWS



First I cut some cardboard strips and squares of the right size, and with a smoothed cutter I engrave some incisions in the place of the frames.



From some squares I cut off the surplus to get the frames of the windows, and glue on their sides some bits of transparent tape scratched and cut on the edges to simulate the broken glasses.



On one side of doors and shutters I glued the strips to make the frames.



For the painting the usual white drybrush over the black undercover and a little dirt on the transparent parts of the glasses.



Then a final wash of brown on the door, shutters, and the wooden parts of the windows, and they are ready to be glued to the model.
In the same way it's easy to make many other wooden parts, as the portal of the tower in the examples, with the only difference of ply wood, still engraved, instead of cardboard to get more thickness.



I meant to make a firs small basic, but very detailed, experiment for one of my next dioramas, to represent a tiny rural house ruined.
On some other models may be fit to add also gutters, chimney, rooms and details in the interiors and other accessories.

Proseguiamo questo tutorial sulla costruzione degli edifici, vedendo come applicare in pratica le tecniche descritte nel primo articolo per realizzare delle mura ed un edificio completo.

---------------------------------------------------------

LE MURA



Nel blocco per le mura ritaglio la sagoma, lo scalino del ballatoio e la merlatura.



Poi, come per i mattoni del muretto, incido la trama delle pietre e della pavimentazione del ballatoio. In più ho premuto gli angoli delle pietre con una spatola e smussato gli spigoli superiori tagliandoli, per eliminare l'aspetto troppo squadrato e piatto e accentuare l'irregolarità.



Ed ecco le mura dipinte, stavolta sopra il consueto fondo nero ho dato un passaggio di grigio, poi un po' di spennellatura a secco bianca, infine un leggerissimo lavaggio nero.

---------------------------------------------------------

MURI IN PIETRE GREZZE

Se ci servono delle mura in pietre grezze e irregolari saranno necessari qualche piccola differenza di lavorazione e un po' di lavoro extra per la rifinitura.



Dopo aver tagliato la sagoma del muro, un paio di millimetri più spessa di come deve risultare a lavoro finito, faccio le incisioni più larghe e profonde del normale, lavorando a mano libera senza righello per dare un aspetto più irregolare.



Poi gratto via la superficie delle pietre, cercando di affondare di più vicino a spigoli ed angoli.



Alcuni tagli saranno scomparsi e appiattiti perciò li ripasso divaricandoli pure un po' con una punta smussata.



Ora il muretto è pronto per la pittura.



Ed ecco il muro finito, dopo il solito fondo nero, spennellatura a secco bianca e lavaggio nero.
Con un piccolo tocco extra, variando colori e tonalità del lavaggio su alcune delle pietre si può simulare un muro di pietre di tipi diversi.

-------------------------------------------------------------

LA CASETTA



Con le stesse tecniche, assemblando vari pezzi di muro, ho provato a costruire una piccola casa, con porta, finestre e una scaletta d'ingresso. Però le case hanno bisogno anche di tetto, porte e finestre e per questo ci vuole una tecnica diversa, anch'essa economicissima, non è certo una novità, io l'ho imparata da amici e integrata con i consigli del forum e alcuni trucchetti estemporanei, in maniera più o meno semplificata si trova su molti libri, sicuramente si può perfezionarne questi trucchi e scoprirne anche di nuovi.

--------------------------------------------------------------

I TETTI



Per prima cosa ho ritagliato e piegato un pezzo di cartoncino ondulato nelle giuste dimensioni per la casetta costruita.



Poi ho inciso leggermente (facendo attenzione a non tagliare anche il cartoncino della parte inferiore) delle linee parallele per simulare le file di tegole.



Dopo aver riportato il profilo delle parti di tetto mancanti (in corrispondenza dei muri crollati della casetta), ho ritagliato i vuoti creando una scalettatura in corrispondenza delle tegole.



Attorno al bordo delle parti mancanti ho fatto dei tagli fra le tegole per la lunghezza di una o due file, solo verso il centro del tetto per i vuoti sui bordi, e tutto attorno per il buco nel mezzo.



Poi ho piegato verso il basso le tegole in corrispondenza dei tagli per creare gli avvallamenti nel tetto danneggiato.



Per dare robustezza alla struttura ho incollato una cornice di legno alla quale ho aggiunto alcune stecchettine traverse che si vedessero attraverso i fori e le parti mancanti.



Con una striscia di cartoncino ondulato, anch'essa leggermente incisa, ho creato la linea di coppi centrale. Con strisce simili non incise e del colore giusto si possono fare le grondaie ai bordi dei tetti, con degli stecchini i relativi scarichi.

-------------------------------------------------------------



Ed ecco casetta e tetto pronti per le rifiniture e per la pittura. Per entrambi il solito fondo nero con spennellatura bianca a secco, poi lavaggi di diversa densità e colore a seconda delle parti.




Per simulare le macerie ho usato vari materiali: stecchette di legno sia spezzate che tagliate a mattoncino, sassolini e sabbia, tutti colorati nelle varie tinte delle parti del modello, strisce di cartoncino ondulato dipinto ritagliate a quadratini per le tegole saltate.



Dopo la normale pittura ad acrilico ho aggiunto a casa e tetto le macerie attaccandole con la colla vinilica, una volta asciugato il tutto ho applicato un leggerissimo lavaggio nero, per far risaltare i dettagli della casetta e per scurire i piccoli vuoti fra le macerie. Il modellino potrebbe andare già bene così ma data la discreta accuratezza la mancanza di infissi stona, perciò aggiungiamo porta e finestre.

-----------------------------------------------------

PORTE E FINESTRE



Prima di tutto ho ritagliato delle strisce fini, e dei quadretti di cartoncino delle misure giuste su cui ho inciso leggermente le linee delle traverse con una punta smussata.



Poi ho ritagliato il quadro delle finestre, e ci ho incollato della sottile plastica trasparente sgraffiata e tagliuzzata sui bordi, per simulare i vetri rotti.



Su un lato di porte e persiane ho incollato le strisce fini per simulare cornici e traverse.



Per la pittura il consueto drybrush bianco su fondo nero, e una leggera sporcatura alla parte trasparente dei vetri.



Infine il solito lavaggio marrone delle parti in legno e porta e finestre sono pronti da montare.
Allo stesso modo si possono fare molte parti in legno, come ho fatto per il portale della torre nelle foto d'esempio, con la differenza che come base ho usato del compensato, sempre inciso, invece del cartoncino per avere più spessore e robustezza.





Ho voluto realizzare questo primo piccolo semplice esperimento cercando tuttavia di ottenere il maggior dettaglio che mi era possibile, rappresenterà una casetta rurale su uno dei prossimi diorama.
Su altri modelli possono starci bene anche grondaie, camino, stanze e dettagli degli interni e altri accessori.