Skip to content
You are here:Home arrow Gallerie arrow STURMTRUPPEN, dedicato a Bonvi e ai soldatini Atlantic


STURMTRUPPEN, dedicato a Bonvi e ai soldatini Atlantic
(148 voti)
Scritto da Leonardo Torricini   

Come dice la dedica il minidiorama è un mio modestissimo tributo a Bonvi e alla Atlantic, entrambi hanno avuto una grande influenza su chi era bambino o ragazzo negli anni '70.

Io ci sono praticamente cresciuto insieme, e li considero entrambi come delle glorie italiane. 

Franco Bonvicini, in arte Bonvi, il creatore del fumetto Sturmtruppen è ben noto anche all'estero (con un particolare successo in Germania ovviamente…).La satira irriverente delle sue strisce a fumetti spesso cinica e spietata è un'ottimo spunto di riflessione sulle assurdità sulla guerra e non solo, diverte sempre e anche dopo tanti anni non perde (purtroppo) di attualità.

Una curiosità storico-bellica, a quanto pare realmente accaduta, durante la naja nei carristi il Bonvi alla guida di un carro armato ha invaso la Jugoslavia…

I soldatini Atlantic hanno fatto giocare e divertire una generazione, oltre che iniziare al modellismo e ai diorami un molti di noi, a qualcuno hanno anche a suo modo dato un certo stimolo per lo studio storico.Ancor oggi mantengono il loro fascino, essendo usciti di produzione purtroppo sono diventati rari e costosi oggetti da collezionisti.

Pur con i loro pregi e difetti a livello qualitativo reggono il confronto con molte altre produzioni attuali, infatti la Nexus li ha rimessi sul mercato e sarebbe bello se riuscisse a riproporre tutti i set e i modelli.

IL DIORAMA

Il carro armato è il Panzer Tiger della Atlantic… restaurato, nel senso che mancavano alcuni pezzi che ho ricreato utilizzando parte di un'altro modello e alcune parti clonate in resina.

Ho clonato la torretta, per poterla restaurare dato che l'originale da un lato era un po' rovinato, e per lasciarlo intatto visto che ho aperto le botole.

I soldatini sono un Panzergrenadieren e uno dell'equipaggio della schwimmwagen, sempre Atlantic.

O meglio sono 4 copie in resina modificate, dato che come la torretta del panzer sono pezzi da collezione da mantenere intatti.

Una volta tanto il mio stile di pittura un po naive e spesso caricaturale ci sta proprio bene in questo contesto, i figurini devono rappresentare i personaggi del fumetto, tranquilli e rilassati nella prima vignetta e sconcertati e incazzati nella seconda.

Il panzer è senza insegne, come sempre nei fumetti delle sturmtruppen, sebbene chiaramente riconoscibili come tedeschi (o italiani come il fiero alleate Galeazzo Musolesi), volutamente non ci sono mai insegne o simboli nazionali, politici né ideologici nei fumetti del Bonvi.

Anche la scenografia l'ho fatta cercando di rispecchiare le tipiche ambientazioni da Sturmtruppen: una distesa desolata, brulla e pietrosa, con crateri e filo spinato… il tutto sotto il tipico cielo molto scuro, cupo e nuvoloso (ottenuto con una foto di sfondo).

La base è in polidur (lastre di schiuma isolante), scolpita con varie tecniche (taglio, incisione, scavo con varie punte, fiamma, carta vetrata ecc.).

La copertura (solo parziale sui crateri) è fatta con pietruzze e polvere di tufo.

Per il colore ho applicato un fondo scuro di vari colori neutri tutti tendenti al marrone, una volta asciutto ho dato un lavaggio molto scuro e sfumato nel nero più intenso nei crateri, infine un leggero drybrush marrone chiaro.

Per il filo spinato ho sperimentato per la prima volta un'ottima tecnica di cui avevo sentito parlare: delle strisce da una rete di zanzariera, è semplice e veloce e il risultato mi pare davvero discreto.